– 14 gennaio: a Creazzo (VI) Roberto Restelli dà il via al Master della Cucina Italiana 2019

Sarà un altro straordinario Master della Cucina Italiana, quello che prenderà il via lunedì 14 gennaio 2019, alle ore 11.00 al Centro Formazione Esac – Confcommercio di Creazzo (VI). A “tenere a battesimo” la settima edizione del corso di alta formazione per cuochi è stato chiamato Roberto Restelli, un nome legato indissolubilmente alla Guida Michelin di cui è stato curatore fino al 2000, per poi passare alla comunicazione dell’intero Gruppo.

Il Comitato Scientifico del Master della Cucina Italiana – guidato dal presidente di Esac Spa Sergio Rebecca e composto da Massimiliano Alajmo, Raffaele Alajmo e Mauro Defendente Febbrari – ha invitato Restelli, figura di riferimento del settore, a tenere la lezione inaugurale del corso 2019.

Il tema del suo intervento, che farà anche da leitmotiv di tutto il Master della Cucina Italiana 2019, sarà: “Dimenticare per ricordare – La cucina: un messaggio antico che ha radici nel passato”.

Anche quest’anno, il Master sarà un lungo percorso di 5 mesi (800 ore) nel meglio della cucina italiana per prepararsi al “grande salto”: il tirocinio di almeno 4 mesi nei ristoranti stellati, che per molti degli allievi delle passate edizioni è stato il trampolino di lancio della loro carriera.

L’inaugurazione sarà aperta dall’intervento del presidente del Comitato Scientifico del Master della Cucina Italiana – e di Esac Spa, società organizzatrice del corso – Sergio Rebecca, che illustrerà le numerose novità dell’edizione di quest’anno, con una squadra di docenti – 49 in tutto, di cui 25 chef per 38 stelle Michelin – che si arricchisce quest’anno di 6 new entry e di alcuni “ritorni” eccellenti. Seguirà il saluto degli altri membri del Comitato: lo chef Massimiliano Alajmo (3 stelle Michelin), Raffaele Alajmo (Ceo di Alajmo Spa) e il medico Mauro Defendente Febbrari. Momento clou dell’inaugurazione sarà poi la consegna degli attestati di partecipazione agli allievi del Master della Cucina Italiana 2018, che hanno superato i tirocini in alcuni dei più importanti ristoranti italiani e ora si avviano a continuare il loro personale percorso di cucina.